Il minerale della bellezza

Altri non metalli
16 S Zolfo 32,06000 Numero atomico Nome Simbolo Peso atomico
Lo zolfo è un elemento che siamo soliti associare ai cattivi odori e alle capocchie dei fiammiferi. Ma dietro al sedicesimo abitante della Tavola periodica c’è molto di più! 

Per risalire alle origini di questo elemento è necessario “rispolverare” i libri di storia antica: lo zolfo, infatti, era già conosciuto da Omero, che lo citò nell’Odissea
 A loro volta, i Romani adoperavano ampiamente questo non metallo, distinguendo quello che poteva essere utilizzato così come si trovava e quello che doveva essere estratto dal minerale roccioso.

Nell'antichità fu impiegato in cerimonie di purificazione, per cacciare insetti dai fiori e dalle colture, ma servì anche per accendere le torce e i fuochi, oppure sbiancare la lana
In seguito, tra il IX e il X secolo, i cinesi tramite lo zolfo produssero la Polvere Nera, o Polvere Pirica, un particolare tipo di polvere da sparo, impiegata in ambiti bellici come propellente per armi da fuoco. 

Lo zolfo è noto oggi come il “minerale della bellezza”, perché aiuta a mantenere in salute non solo unghie e capelli, ma anche la pelle. E’ infatti un importante componente della cheratina che conferisce struttura, forza e resistenza a pelle, unghie e capelli.
Come fare dunque per assicurarcene il giusto apporto?
Uno degli alimenti più ricchi in assoluto di questo minerale è il tuorlo d'uovo, ma anche verza, cavolini di Bruxelles e rape ne contengono in quantità. In misura inferiore si trova anche nella frutta secca e nella lattuga, oltre che in tutti i cibi ricchi di proteine.


Curiosità

Scopri di più su https://www.humanitas.it/enciclopedia/sali-minerali/zolfo