Logo - Chimica una buona scelta

Il Setificio di Como aiuta il tessile puntando sulla chimica
Varato il nuovo corso quadriennale dell’istituto tecnico “Paolo Carcano” di Como: Chimica e Materiali della Tecnologie Tessili, che prevede una forte interazione con il mondo produttivo tessile. Iscrizioni dal 16 gennaio prossimo online. 

Sono ben pochi i corsi di studio in Italia in grado di assicurare un posto di lavoro a chi si diploma. Uno di questi è stato presentato dal Setificio «Paolo Carcano» di Como che ha ottenuto dal MIUR il via libera per la sperimentazione di un nuovo indirizzo di studi, di durata quadriennale, per diplomarsi periti in Chimica e Materiali della Tecnologie Tessili. 
Una figura fondamentale all’interno delle aziende che lavorano nella filiera della moda praticamente in via d’estinzione da quando riforme successive hanno via via abolito le specializzazioni territoriali. Così questo corso che permetterà ai ragazzi di raggiungere la Maturità in soli quattro anni è praticamente l’unico in Italia.

Il Setificio è fra le 100 scuole italiane che a partire dal prossimo anno sperimenteranno la nuova tipologia di corso quadriennale. 
«La fondazione Setificio – spiega il presidente Andrea Ferrari - è l’anello di congiunzione tra la filiera tessile e la realtà della formazione scolastica dell’Istituto Paolo Carcano. Questo progetto si fonda su ideali di condivisione e crescita comune della scuola e dell’industria. In 22 anni, Fondazione Setificio, le associazioni di categoria e generosi imprenditori, hanno insieme investito circa 1,5 milioni di euro. Proprio il territorio ci ha segnalato in modo sempre più evidente negli ultimissimi anni uno scenario con una preoccupante carenza di tecnici e manager con una formazione di chimica tintoria, l’anello imprescindibile della nobilitazione tessile». L’industria tessile comasca è ancor oggi un punto di riferimento assoluto per il mondo dello stile, della moda e della creatività tessile. Ogni anno, da Como, vengono esportati in tutto il mondo tessuti ed accessori per un valore superiore al miliardo e quattrocento milioni di euro e il 25% degli occupati nelle aziende del territorio lavora per il comparto tessile. 

"Per il futuro di questo meraviglioso patrimonio di competenze – sottolinea Andrea Taborelli, Presidente del Gruppo Filiera Tessile di Unindustria Como - che è presente nel nostro territorio e che lo qualifica in tutto il mondo è decisivo investire nel capitale umano e soprattutto nei giovani. Occorrono specialisti non solo nelle fasi di creazione del prodotto ma anche nelle fasi di produzione e nobilitazione del tessuto. L’adozione degli studenti da parte delle aziende garantirà loro la certezza di avere un supporto autorevole alle spalle che potrà seguirne la crescita didattica. E se gli allievi saranno meritevoli potranno avere uno sbocco nel mondo del lavoro e avere quindi un futuro una volta finiti gli studi".

Le iscrizioni si aprono il 16 gennaio online

MappaPrivacy   
Tutti i diritti sono riservati a Federchimica©2012 via Giovanni da Procida, 11 20149 Milano - C.F. 80036210153