Logo - Chimica una buona scelta
Pmi: un possibile sbocco lavorativo?

In Italia, le piccole e medie imprese occupano una quota maggioritaria del totale degli addetti chimici.

In particolare, hanno un peso sull’occupazione predominante nei settori della chimica fine e delle specialità. Si tratta dei settori in cui le economie di scala sono meno importanti e gli utilizzi a valle giustificano lo sviluppo di nicchie di mercato.

Nel tempo, mentre è diminuita l’incidenza della chimica di base sull’occupazione, è cresciuta l’importanza della chimica a valle, ossia dei settori in cui si concentrano le PMI.

Pur essendo meno conosciute come possibile sbocco professionale, le PMI, non solo hanno visto incrementare il loro peso sull’occupazione chimica totale, ma hanno anche aumentato i loro addetti in termini assoluti.

Va detto che, in media, le PMI presentano una minore incidenza dei laureati e dei profili professionali più elevati. D’altro canto però esprimono una domanda crescente di giovani laureati perchè, per rimanere competitive, devono innalzare il proprio patrimonio di conoscenze e aumentare il contenuto tecnologico dei prodotti.

E’ quindi fondamentale tenerle presenti non solo nella ricerca di un’occupazione, ma anche durante la costruzione del proprio percorso formativo e, in particolare, nel momento di scelta della tesi.

MappaPrivacy   
Tutti i diritti sono riservati a Federchimica©2012 via Giovanni da Procida, 11 20149 Milano - C.F. 80036210153