Logo - Chimica una buona scelta
Dove lavora un laureato chimico?

Lo stereotipo di una chimica costituita solo dai grandi impianti della petrolchimica potrebbe far pensare a una concentrazione produttiva diversa da quella effettiva.

I grandi impianti della chimica di base sono certamente molto importanti, ma l’occupazione non si concentra solo nei Poli chimici anzi, ancor più che in altri settori, hanno un ruolo di primo piano le regioni del Nord Italia e in particolare la Lombardia, e ciò grazie soprattutto alla presenza delle medie e piccole imprese.

La Lombardia, ed è un dato che spesso sorprende, è la seconda regione chimica europea per numero di addetti e la prima per numero di imprese. Si stima che – considerati anche gli addetti indiretti – 3 persone ogni 100 della popolazione lombarda lavorino nell’industria chimica.

Nella scelta della sede universitaria e del corso di laurea da frequentare non è necessario fare riferimento alla distribuzione geografica delle imprese chimiche. Quello che conta infatti sono le competenze e le esperienze formative che l’università è in grado di offrire.

Bisogna però essere consapevoli che, per cogliere al meglio le opportunità di lavoro offerte dall’industria chimica, potrebbe necessario trasferirsi in una città diversa da quella di origine.

MappaPrivacy   
Tutti i diritti sono riservati a Federchimica©2012 via Giovanni da Procida, 11 20149 Milano - C.F. 80036210153