Logo - Chimica una buona scelta
Laura, 29 anni - ricercatrice in laboratorio

Quali consigli daresti a chi si avvicina a questa scienza?
Consiglio sicuramente di preservare la curiosità, la passione per la ricerca e l’impegno verso l’innovazione continua, considerando che si stanno aprendo orizzonti sempre più vasti e interessanti di ricerca e sperimentazione anche in Italia. Per questo, la professionalità e la creatività di giovani chimici come me rappresentano una spinta decisiva per lo sviluppo di nuove prospettive del nostro lavoro.

Cosa vuol dire fare ricerca?

La ricerca è la parte dell’impresa chimica che ne progetta il futuro. Diventare ricercatori significa innanzitutto essere attratti dall’ignoto, aprirsi al confronto delle idee ed essere motivati dalle sfide intellettuali continue.
Le doti tipiche di un ricercatore industriale sono la creatività, la capacità di lavorare in gruppo, lo stimolo al continuo aggiornamento; occorre anche avere entusiasmo e capacità di reazione continua. Il ricercatore lavora al tempo stesso per il successo dell’azienda e per lo sviluppo scientifico. Non pensatelo perciò chiuso in laboratorio: un ricercatore industriale di successo è stimato dalla comunità scientifica internazionale con cui spesso ha rapporti di collaborazione, è invitato a partecipare a congressi ed è in grado di portare un contributo allo sviluppo delle strategie dell’intero settore.

MappaPrivacy   
Tutti i diritti sono riservati a Federchimica©2012 via Giovanni da Procida, 11 20149 Milano - C.F. 80036210153